Settore Prove non Distruttive

Elenco Normative

Al momento non è presente nessuna normativa. Torna a trovarci tra qualche giorno. Grazie

Il laboratorio Geo Consulting S.n.c. è attrezzato  per effettuare le Prove non Distruttive (PnD) che sono il complesso di esami, prove e rilievi condotti impiegando metodi che non alterano il materiale e non richiedono la distruzione o l’asportazione di campioni dalla struttura in esame.
I metodi più comunemente utilizzati si basano sugli ultrasuoni,  l’induzione elettromagnetica, i liquidi penetranti, oltre a metodi  quali la termografia, l’endoscopia. I risultati delle indagini condotte applicando questi metodi sono alla base per la valutazione della qualità di un prodotto, per l’esame dell’integrità strutturale di un componente, tali prove sono finalizzate a valutare le condizioni di strutture edili. 

Le Prove pacometriche
Consistono nella misura del campo magnetico determinato dalla presenza di armature di acciaio in vicinanza della superficie del calcestruzzo degli elementi strutturali.Tali prove consentono di “leggere”, in proiezione sulla superficie di calcestruzzo, la posizione delle armature, così da consentire una stima della misura dell’interferro e del copriferro delle armature longitudinali, presenti nel piano parallelo al piano d’indagine, e del passo delle staffe.

Prove sclerometriche
Sono finalizzate alla determinazione della resistenza del calcestruzzo tramite misura della durezza superficiale, mediante valutazione del rimbalzo di una sfera metallica contenuta in apposito cilindro cavo. Sono le prove più comunemente utilizzate, sebbene i valori che restituiscono, se non abbinati alle prove ultrasoniche, risultano, spesso, essere poco significativi.

Prove ultrasoniche
Le prove ultrasoniche basano la loro capacità di stima della resistenza del calcestruzzo sulla velocità di propagazione delle onde ultrasoniche nel calcestruzzo stesso, essendo tale velocità strettamente correlata con il modulo elastico del calcestruzzo, a sua volta correlato con la resistenza a compressione.

Prove soniche
Le prove soniche rappresentano un metodo di indagine non distruttivo che consente di ottenere informazioni per la caratterizzazione qualitativa della muratura. La tecnica di indagine sonica si basa sulla generazione di impulsi meccanici con frequenze nel campo del sonoro (20-20000 Hz) e per questo detti sonici.

Indagini termografiche per il rilievo degli elementi
La termocamera è in grado di rilevare le temperature dei corpi analizzati attraverso la misurazione dell’intensita di radiazione infrarossa emessa dal corpo in esame. L’analisi termografica è utile per valutare distacchi di intonaco, difetti strutturali nascosti, umidità di risalita e per rilevare la presenza di elementi strutturali in calcestruzzo armato incassati negli elementi murari.

Carotaggi su calcestruzzo e su elementi di muratura
L’estrazione di campioni di calcestruzzo dalla struttura mediante carotaggio serve per conoscere le caratteristiche reali del materiale sia visivamente che con la prova di compressione sulla carota. Il carotaggio di elementi in muratura serve prevalentemente per la caratterizzazione della morfologia della muratura stessa, mediante indagine della struttura interna e del materiale costituente (tipi di malta, laterizio, pietra; spessore e conformazione dei paramenti murari; altri dettagli, etc); per il prelievo di porzioni di materiale utili per l’esecuzione di prove di laboratorio.

Test colorimetrico
E’ un test per la valutazione della profondità di carbonatazione. Sono eseguiti utilizzando una soluzione di fenolftaleina all’1% di alcool etilico per determinare la profondità di carbonatazione in strutture di calcestruzzo in sito.

Indagine endoscopica
Questa tecnica consente di acquisire dati fondamentali sulla effettiva geometria e sullo stato di conservazione di luoghi non ispezionabili direttamente, consentendo una valutazione della qualità di esecuzione degli elementi murari e delle loro connessioni oltre che l’ispezione delle caratteristiche e dello stato dei diatoni e degli ammorsamenti fra pareti.

Prova di estrazione (pull-out)
Misura la forza necessaria all’estrazione tramite un martinetto idraulico di un apposito tassello inserito perforando il calcestruzzo. Utilizzando la curva interpretativa si effettua una stima della resistenza a compressione del calcestruzzo.